07

7 Novembre 2019

Cultura del Bere: Cronaca dal Corso per Degustatore di Birra

Una studentessa ci racconta la sua esperienza nel Corso per Degustatore di Birra; nozioni acquisite ed impressioni sul mondo delle birre “post industriali” Italiane ed estere.

Degustatore Birra
Se siete come me, degli amanti della birra in tutte le sue declinazioni, questa esperienza vi soddisferà a pieno: ecco il mio resoconto sul Corso Degustatore Birra.

Da appassionata bevitrice di birra nei pub, eventi di settore e birrifici, mi sono sempre chiesta se di quello che bevevo ne capivo veramente qualcosa.
Sapevo qual era lo stile che soddisfaceva maggiormente il mio palato, ma bevevo quello stile indistintamente con qualsiasi tipologia di cibo, rischiando di rovinare il gusto della pietanza e facendo perdere le caratteristiche tanto amate in quel determinato stile di birra.
Poi, l’idea “geniale”: seguire un corso che mi avrebbe dato la possibilità di capirne qualcosa in più.

Così è cominciata la mia esperienza con il “mondo della birra consapevole“. Al mio fianco ho trovato compagni di percorso di tutto rispetto: professionisti del settore, produttori, ristoratori, e altri, come me, che volevano semplicemente saperne qualcosa in più.

Le lezioni sono 10, di 4 ore ciascuna, nella quale si è parlato di birra, di storia, di bicchieri, spillatura e molto altro, argomenti inframezzati dalla degustazione di 4 birre. Uno sguardo al colore, alla schiuma e alla consistenza, un assaggio per scoprirne eventuali difetti, aromi, il corpo, l’intensità e poi tutti a discutere sulle proprie sensazioni.

In ascesa negli ultimi anni, la birra è diventata una bevanda sempre più apprezzata, con la nascita di numerosi birrifici artigianali in Italia, la quale è entrata più tardi rispetto ad altre nazioni nel mondo brassicolo.

Poter conoscere gli ingredienti con cui viene prodotta, i metodi, i diversi stili e riuscire a riconoscerne difetti e peculiarità, permette di godersi al meglio ciò che si beve, diventando coscienti se quella determinata birra è di qualità o no.

Sicuramente il contributo migliore è stato quello dei due docenti del corso: il beersommelier Mark Mowlazadeh e il birraio e biotecnologo Stefano Bisogno. Entrambi veri “pozzi di conoscenza”, sono stati estremamente disponibili a rispondere ad ogni domanda o curiosità che venisse fuori durante le lezioni, sempre esaustivi, hanno avuto la pazienza di rispondere anche ai quesiti più strani.

Una delle parti più stimolanti è stata sicuramente quella dell’abbinamento birra-cibo, che abbiamo affrontato in due lezioni: una lezione abbiamo assaggiato quattro tipologie di formaggi, in abbinamento ad altrettante birre, e la successiva invece l’abbiamo fatto con i dessert. Riuscire a capire quali caratteristiche della birra possono esaltare o smorzare certi sapori e viceversa, è un’attività a cui tutti noi eravamo interessati, chi più per interesse personale, chi per lavoro. Quest’esperienza non si è limitata solo alle due lezioni dedicate, bensì entrambi i docenti, durante tutti gli assaggi svolti durante il corso proponevano abbinamenti da provare.

Grazie alla passione comune per la birra, con i docenti e con gli altri colleghi si è instaurato un bellissimo rapporto, che di certo proseguirà anche al di fuori del contesto accademico, per poter continuare ad abbinare e sperimentare assieme.

E ora… penso al livello successivo, il prossimo Corso per diventare Beer Sommelier!

Credits: Laura Cogo

SCARICA SUBITO
IL PROGRAMMA COMPLETO DEL CORSO

Compila il form con i tuoi dati, lo riceverai in tempo reale al tuo indirizzo email!

Questo campo è obbligatorio
Questo campo è obbligatorio
Questo campo è obbligatorio
Questo campo è obbligatorio e deve essere un indirizzo email valido
Questo campo è obbligatorio
processing...

Richiesta in elaborazione

Top