03

3 Febbraio 2020

Perché quella del Panificatore è la nuova professione emergente.

Un mestiere antico che si rinnova quello del panettiere o fornaio, in virtù dell’introduzione di tecnologie e attrezzature in grado di migliorare sensibilmente la stabilità dei prodotti e di semplificarne la lavorazione.
Da artigiano notturno a imprenditore nel food & beverage, settore sempre crescente, senza i vincoli imposti da un attività di ristorazione “classica”.

Una professione emergente, dal profilo sempre più tecnico e specializzato

INDIPENDENZA, CREATIVITÀ, TECNICA: Se non hai mai preso in considerazione la professione del PANIFICATORE dovresti dedicare qualche minuto a questa lettura.
Proverò infatti a spiegarti i motivi per i quali potrebbe essere la professione giusta per te!
Per molti di noi il profumo del pane appena sfornato è legato al concetto di infanzia, famiglia e tradizione, ma sappiamo davvero cosa si nasconda dietro ad uno dei lavori più antichi del mondo?
Per far fronte alla richiesta di prodotti sempre più diversi tra loro e ad una clientela sempre più attenta e competente in materie prime e proprietà salutistiche, il lavoro del panificatore è molto cambiato nel tempo, portandolo ad essere un esperto di arte bianca abile in conoscenze tecniche specifiche.
Ecco che non basta più miscelare farina, acqua, lievito, sale, per ottenere panini rustici e qualche pane morbido, bensì è necessario essere competenti in stili diversi di fermentazione, saper dosare microelementi per trovare soluzioni a problemi di struttura, alveolatura e colore, nonchè aver destrezza nel preparare panini di ogni sorte, dai rustici ai gourmet, passando per pani in cassetta, grissini, cioppini, focacce e dolci da colazione.

Opportunità di lavoro o scelta imprenditoriale?

So a cosa stai pensando… e dove si può lavorare poi? La scelta è più ampia di ciò che credi.
Panifici artigianali, realtà semindustriali e industrie, ipermercati con produzione interna, aziende specializzate nella produzione di farine e preparati specifici, nel campo della ricerca e sviluppo, in qualità di tecnico di laboratorio, come docente o agente.
Formarsi nel campo richiede tempo e passione ma permette di ottenere indipendenza e riconoscimento nel settore.
Si lavora sempre di notte? Non solo.
Se intendi lavorare al’interno di un panificio la tecnologia ha permesso di evitare o ridurre il lavoro notturno e festivo gestendo temperature e lievitazioni, così come molti altri macchinari agevolano sempre più la preparazione delle pezzature e degli impasti.
Se invece scegli di svolgere la mansione di tecnico/agente/docente gli orari saranno molto simili a quelli impiegatizi.

Come diventare panificatore: i due percorsi formativi in Accademia

L’Accademia delle Professioni ha dedicato due percorsi formativi alla figura del panificatore.

Uno pensato per chi ha già dimestichezza con il mondo del food e per grandi appassionati che vogliono specializzarsi e approfondire le proprie conoscenze sulla panificazione moderna: il Corso Professionale di Specializzazione in Panificazione. La durata è di 50 ore, suddivise in 10 lezioni serali improntate esclusivamente sulla pratica in laboratorio con i Bakery Chef dell’Accademia.

L’altro progettato per chi desidera partire da zero, intraprendendo un percorso fatto di pratica ma anche di teoria sui temi del marketing, dell’autoimprenditorialità, dell’abbinamento cibo – bevande e di molti altri aspetti che porteranno a trasformare gli allievi in professionisti riconosciuti, grazie al conseguimento della Qualifica Professionale di Panificatore (titolo di studio riconosciuto in tutta l’UE secondo il livello EQF3).

In questo secondo caso, oltre all’Attestato di Qualifica, gli allievi conseguono anche l’Abilitazione SAB (ex REC), obbligatoria per aprire una propria attività legata alla somministrazione di alimenti e bevande, come lo è appunto un forno artigianale, una panetteria, una pizzeria o una pasticceria specializzata in prodotti da forno dolci. Il percorso prevede 600 ore di formazione, delle quali 276 dedicate allo stage in prestigiose realtà del settore, per entrare in contatto con i maestri del mestiere.

VUOI SAPERNE DI PIU’?
Scopri il Programma dei Corsi!

Specializzazione in PANIFICAZIONE
(50 ore)

Qualifica Professionale PANIFICATORE
(600 ore)

Top